Area Riservata

Mailing list




Home Cosa Fare Escursioni Val Grande Monte Bessun (2908 m.)

Monte Bessun (2908 m.)

Vota questo articolo
(0 Voti)
Si tratta di un'escursione lunga e faticosa, che si svolge in ambiente solitario, con un lungo tratto senza sentiero e su terreno disagevole e ricco di insidie. Spettacolare la vista sul Gran Paradiso vicino e di fronte,sul vallone di Vassola e sulla pianura. E' una montagna ben visibile dalla pianura per il bizzarro torrione sulla sua destra.
Accesso:
Da Lanzo raggiungere Cantoira e proseguire lungo fondovalle della Val Grande verso Chialamberto. Prima di Chialamberto, superata la frazione di Prati della Via, si trova a destra una deviazione che va seguita (indicazione Vonzo - Candiela).
Dopo un paio di tornanti tra le villette ad un bivio andare a sinistra, in salita.
Proseguire per un buon tratto fino ad una nuova deviazione dove va presa la strada di destra, in salita (andando a sinistra si scenderebbe a Chialamberto). La frazione di Vonzo con la Bellavarda sullo sfondo
Un'altra serie di tornanti conduce ad un nuovo bivio dove si deve continuare in salita ignorando la deviazione a sinistra per Balmavenera, poco dopo si arriva e si supera la frazione Candiela,posta in stupenda posizione panoramica sulla valle. Continuando ancora in salita si arriva in vista di Vonzo dove, ad un bivio, si deve andare a sinistra per passare a monte dell'abitato e parcheggiare nel piazzale nei pressi della Cappella di San Bernardo.
Salita:
  • Località di partenza: Vonzo (1231 metri)
  • Tempo di salita: 5 h, 15 m
  • Difficoltà: EE (Escursionisti esperti)
Si imbocca la strada asfaltata chiusa da un sbarra e che sale con alcuni tornanti il bosco fino al bivio che porta alla frazione dei Chiappili.
Raggiuntala si attraversano le case e si incontra un sentierino poco segnato che sale i prati sulla destra, attraversa un bosco di betulle, tocca una baita isolata e giunge su una carrareccia. Si prende a sx e si segue la stradina che porta nel vallone di Vassola. Con percorso a mezzacosta si gira sul fianco della montagna e si giunge al bel piano di Vassola con i caratteristici ponti in pietra (1630m, 1,30h).
Arrivati al 2° ponte il sentiero si stacca sulla dx e sale il pendio cespuglioso (qualche problema nel mantenere la traccia) in direzione di un alpeggio sotto una balma (1777m).
Si prosegue per il sentiero ora più evidente fino all'Alpe Balmot 1894mt (40') tra grossi massi e poi con un mezzacosta in leggera discesa ci si porta ad attraversare il torrente su alcuni lastroni di roccia (cautela). Si risale ora il pendio e toccando un'alpe diroccata su rocce montonate si entra in una specie di gola che sfocia nel bel piano dell'A.Vailet 2233mt (45'). Il sentiero continua sulla dx di un rilievo erboso e si porta alla base delle balze che sostengono l'A. del Seone superandole con alcune belle serpentine e tratti gradinati. Giunti così nei pressi dell'Alpe (2398mt, 40') si abbandona il
La frazione Chiappili sentiero e si punta direttamente verso la vetta del Bessun.
Attraversando delle rocce montonate si raggiunge l'enorme caos di macigni alla base della nostra montagna: con le dovute attenzioni e con divertente ma laboriosa ginnastica per trovare i passaggi meno scabrosi si supera quest'enorme pietraia e verso i 2700mt si trova una fascia erbosa piuttosto ripida e con alcune pietre instabili.
Superatala si tocca un'altra pietraia instabile inframezzata da fasce di terriccio cedevole e con marcia faticosa si arriva alla base della liscia parete sud.
Un ometto su un grosso blocco indica l'attacco di un canale nascosto sulla sx da due enormi monoliti di gneiss alti una quindicina di mt (~2850mt): si risale così (attenzione alle pietre mobili) il canale di erba, ghiaia e roccette largo da 2 a 3 mt e abbastanza ripido che muore nei pressi di una finestra. Si supera un saltino frontalmente e appoggiandosi a dx su una cengetta ci si trova di fronte all'ultimo breve ma ripido pendio di roccette che porta sulla cresta sommitale nei pressi della cima (cautela; 2908mt,1,50h) che si raggiunge facilmente con breve ginnastica: la vetta è un
ammasso di rocce spezzettate: ben visibili i torrioni caratteristici e il Gran Paradiso, nonchè il gruppo Galisia-Basei e la valle dell'Orco. L'Alpe Balmot
Discesa:
Per la via di salita.
Letto 1721 volte
Devi effettuare il login per inviare commenti

Valle Tesso Malone

  • Lago di Monastero (1992 m.)

  • Vaccarezza (2203 m.) e M.Angiolino (2168 m.)

  • Monte Soglio (1971 m.)

  • Trekking dei Tre Rifugi

  • Cima La Rossa (2319 m.)

  • Punta Gias Vej (2179 m.)

  • Media Via delle valli Tesso - Malone

  • Mountain Ride-Traversata delle cime del lago di Monastero

Val di Viù

  • Lago dietro La Torre (2366 m)

  • Monte Civrari (2302 m.)

  • Giro dei Laghi di Viana

  • Cappella della Consolata (941m.)

  • Rocciamelone (3538 m.)

  • Lera (3355 m.)

  • Rocca Moross (2135 m.)

Val Grande

  • Bellavarda (2345 mt)e Punta Marsè (2317 mt)

  • Laghi del Seone

  • Laghi di Sagnasse (2083 m.)

  • Barrouard (2865 m.)

  • Levanna Orientale (3555 m.)

  • Cappella di San Domenico (1772 m)

  • Vallone di Sea - Gias Nuovo (1888 m)

  • Borgata Missirola (1452 m)

  • Monte Bessun (2908 m.)

  • Monte Unghiasse (2939 m.)

  • Corno Bianco (2891 m.)

  • Monte Bellagarda ( 2901 m.)

  • Piccolo Morion (2833 m.)

Val d'Ala

  • Laghi Mercurin (2491 mt)- Ru (2570 mt)

  • Colle del Vallonetto(2485 m) - Cima Chiavesso (2824 m)

  • Ciamarella (3676 m.)

  • Laghi di Bessanetto(2747 m) - Crotas(2747 m)

  • Punta delle Serene (2643 m.)

  • Le Courbassere (1531 m.)

  • Punta Golai (2819 m.)

  • Cima Autour (3021 m.)

Prossimi appuntamenti:

Nessun evento
Aprile 2017
D L M M G V S
26 27 28 29 30 31 1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 1 2 3 4 5 6
Maggio 2017
D L M M G V S
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3